Sogna come se dovessi vivere per sempre. Vivi come se dovessi morire oggi. James Dean

James Dean: “Sogna come se dovessi vivere per sempre.Vivi come se dovessi morire oggi”.

Sogna come se dovessi vivere per sempre.

Vivi come se dovessi morire oggi.

James Dean

 

James Byron Dean è nato a Marion, l’8 febbraio del 1931, e morto a Cholame, il 30 settembre del 1955; egli è stato un attore americano di notevole fama.

Visto come icona culturale del ‘ribelle‘, James Dean impersona spesso ruoli del genere nei film che lo vedono come attore protagonista: “Gioventù bruciata” e “Il seme della violenza“, entrambe pellicole del 1955.

Dean è tutt’oggi un‘icona pop senza tempo, probabilmente anche per la sua morte prematura, avvenuta all’età di 24 anni.

Condividilo:

Ama la vita più della sua logica, solo allora ne capirai il senso. Fëdor Dostoevskij

Fëdor Dostoevskij: “Ama la vita più della sua logica, solo allora ne capirai il senso”.

Ama la vita più della sua logica, solo allora ne capirai il senso.

Fëdor Dostoevskij

 

Fëdor Michajlovič Dostoevskij è nato  a Mosca, l’11 novembre del 1821, e morto a San Pietroburgo, il 9 febbraio del 1881; egli è stato un grande scrittore e filosofo russo.

Alla pari di Tolstoj, egli è considerato uno tra i più grandi romanzieri e pensatori russi della storia dei tempi, oltre che uno tra i più importanti esponenti dell’esistenzialismo e dello psicologismo.

Le sue più grandi opere sono:

  • Memorie dal sottosuolo;
  • Delitto e castigo;
  • L’idiota;
  • I demoni;
  • I fratelli Karamazov;
Condividilo:

La vita ti offre sempre una seconda possibilità. Si chiama domani. Dylan Thomas

Dylan Thomas: “La vita ti offre sempre una seconda possibilità. Si chiama domani”.

La vita ti offre sempre una seconda possibilità.

Si chiama domani.

Dylan Thomas

 

Dylan Marlais Thomas è nato a Swansea, il 27 ottobre 1914, e morto a New York, il 9 novembre 1953.

Thomas è stato un grande poeta, scrittore e drammaturgo gallese. Egli ha scritto diverse poesie, epistole, sceneggiature e saggi, oltre che racconti autobiografici e un dramma teatrale dal titolo Sotto il bosco di latte (Under milk Wood). La versione radiofonica di quest’ultimo, in cui Thomas stesso ha recitato, ha vinto il Prix Italia nel 1954.

Condividilo:

I mercati finanziari sono un formidabile strumento per trasferire ricchezza dagli impazienti ai pazienti. Warren Buffett

Warren Buffett: “I mercati finanziari sono un formidabile strumento per trasferire ricchezza dagli impazienti ai pazienti”.

I mercati finanziari sono un formidabile strumento per trasferire ricchezza dagli impazienti ai pazienti.

Warren Buffett

Warren Edward Buffett è nato a Omaha, il 30 agosto del 1930; egli è uno tra i maggiori imprenditori, economisti e filantropi statunitensi, conosciuto in tutto il mondo.

Il più grande value investor di tutti i tempi, Buffett è soprannominato ‘l’oracolo di Omaha‘, proprio per le sue particolari doti di previsione circa investimenti finanziari, perdite e guadagni.

Importante figura di filantropo, solo nel 2006 ha donato 37 miliardi di dollari in azioni benefiche per le popolazioni del Terzo mondo.

Condividilo:

La qualità più importante di un investitore è il temperamento, non l’intelletto. Hai bisogno di personalità per non provare grande piacere né nel seguire la folla, né nell’andare controcorrente. Warren Buffett

Warren Buffett: “Hai bisogno di personalità per non provare grande piacere né nel seguire la folla, né nell’andare controcorrente”.

La qualità più importante di un investitore è il temperamento, non l’intelletto. Hai bisogno di personalità per non provare grande piacere né nel seguire la folla, né nell’andare controcorrente.

Warren Buffett

 

Warren Edward Buffett, ad oggi (luglio 2021) il nono uomo più ricco sul Pianeta, è nato a Omaha, il 30 agosto del 1930.

Riconosciuto come uno tra i maggiori imprenditori, economisti e filantropi a livello mondiale, Buffett è soprannominato l’oracolo di Omaha, proprio per le sue eclatanti doti nel predire perdite e guadagni nei suoi investimenti finanziari.

Buffett è il più grande value investor di tutti i tempi.

 

Condividilo:

Il rischio nasce dal non sapere cosa stai facendo. Warren Buffett

Warren Buffett: “Il rischio nasce dal non sapere cosa stai facendo”.

Il rischio nasce dal non sapere cosa stai facendo.

Warren Buffett

 

Warren Edward Buffett nasce a Omaha, il 30 agosto del 1930.

Buffett è ad oggi considerato uno tra i più noti imprenditori, economisti e filantropi statunitensi.

Ricordato anche come il più grande value investor di sempre, Buffett è nel 2008 l’uomo più ricco al mondo e ad oggi, luglio 2021, il nono a tutti gli effetti.

Dato importante è ricordare anche la sua beneficenza presso importanti associazioni, come la Gates Foundation, presso cui ha promesso di impegnare il 99% del suo patrimonio.

 

Condividilo:

La fiducia ritorna poco alla volta, la paura è istantanea. Warren Buffett

Warren Buffett: “La fiducia ritorna poco alla volta, la paura è istantanea”.

La fiducia ritorna poco alla volta, la paura è istantanea.

Warren Buffett

 

Warren Edward Buffett, nato a Omaha il 30 agosto 1930, è ad oggi considerato uno tra i più noti imprenditori, econimisti e filantropi americani.

Buffett è considerato anche il più grande value invester di tutti i tempi. Nel 2008, secondo la rivista Forbes, è stato l’uomo più ricco sulla Terra; nel 2015 il quarto; nel 2021 il nono.

Noto anche come filantropo, ricordiamo la sua donazione benefica del 2006, per le popolazioni del Terzo mondo, pari a 37 miliardi di dollari.

Ad oggi collabora anche con la Gates Foundation, attraverso la quale ha promesso di impegnare il 99% del suo patrimone in cause filatropiche.

 

 

Condividilo:

Le opportunità arrivano raramente. Quando piove oro, metti fuori un secchio, non un ditale. Warren Buffett

Warren Buffett: “Le opportunità arrivano raramente. Quando piove oro, metti fuori un secchio, non un ditale”

Le opportunità arrivano raramente. Quando piove oro, metti fuori un secchio, non un ditale.

Warren Buffett

 

Warren Edward Buffett nasce il 30 agosto 1930, a Omaha.

Importante imprenditore, econimista e filantropo statunitense, Buffett è noto da sempre per le sue abilità negli investimenti finanziari, oltre che come notevole filantropo che ha promesso di impegnare il 99% dell’intero suo patrimonio in cause filantropiche, soprattutto tramite la Gates Foundation.

Condividilo:

L’investimento più importante che puoi fare è in te stesso. Warren Buffett

Warren Buffett: “L’investimento più importante che puoi fare è in te stesso”.

L’investimento più importante che puoi fare è in te stesso.

Warren Buffett

 

Warren Edward Buffett è un noto economista, imprendirore e filantropo americano.

Nato il 30 agosto 1930, a Omaha, è presto conosciuto come l’oracolo di Omaha, proprio per le sue strabilianti abilità nell’ottima riusciuta di investimenti finanziari, e soprattutto per il buon fiuto nel predire i possibili guadagni e le possibili perdite.

Al 19 luglio 2021 risulta essere il 9° uomo più ricco al mondo.

Condividilo:

"Ci vogliono vent’anni per costruire una reputazione e cinque minuti per rovinarla". Warren Buffett

Warrem Buffett: “Ci vogliono vent’anni per costruire una reputazione e cinque minuti per rovinarla”.

“Ci vogliono vent’anni per costruire una reputazione e cinque minuti per rovinarla”.

Warren Buffett

 

Warren Edward Buffett, nato a Omaha nel 1930, soprannonimato anche l’oracolo di Omaha, è un grande imprendirore, economista e filantropo statunitense.

Noto per le abilità in investimenti finanziari e per le capacità nel predire perdite e guadagni che riguardino i suoi investimenti, Buffett risulta essere (in data 19 luglio 2021) il nono uomo più ricco al mondo.

Ricordiamo le sue iniziative come filantropo, tramite la Gates Foundation, fondazione privata americana fondata da Bill Gates e Melinda Gates.

Condividilo:

"Quello che abbiamo imparato dalla storia è che le persone non imparano nulla dalla storia". Warren Buffett"Quello che abbiamo imparato dalla storia è che le persone non imparano nulla dalla storia". Warren Buffett

Warren Buffett: “Quello che abbiamo imparato dalla storia è che le persone non imparano nulla dalla storia”.

“Quello che abbiamo imparato dalla storia è che le persone non imparano nulla dalla storia”.

Warren Buffett

 

Warren Edward Buffett, nato a Omaha il 30 agosto del 1930, è un noto imprenditore, economista e filantropo statunitense; soprannominato anche l’oracolo di Omaha, per le sue spiccate doti di predizione guadagni e perdite nei suo investimenti.

Buffett è considerato il più grande value investor di sempre.

Nel 2008 è stato l’uomo più ricco al mondo, nel 2015 il quarto, e al 19 luglio del 2021 il nono. Rientrando, in sostanza, come quarantesimo nella classifica di ricchezza a livello mondiale.

Ricordiamo, inoltre, il suo impegno nell’impegnare in cause filantropiche il 99% del suo patrimonio.

Condividilo:

"Quando voglio prendere una decisione di gruppo mi guardo allo specchio". Warren Buffett"Quando voglio prendere una decisione di gruppo mi guardo allo specchio". Warren Buffett

Warrem Buffett: “Quando voglio prendere una decisione di gruppo mi guardo allo specchio”.

“Quando voglio prendere una decisione di gruppo mi guardo allo specchio”.

Warren Buffett

 

Warren Edward Buffett è nato a Omaha, il 30 agosto del 1930. 

Egli è un noto imprenditore, oltre che economista e filantropo americano.

Il soprannome, oracolo di Omaha, deriva proprio dalle sue abilità negli investimenti finanziari, oltre che nella capacità innata di predire guadagni e perdite possibili.

Buffett è ad oggi considerato il più grande value investor di tutti i tempi, oltre che ad oggi (2021) il nono uomo più ricco al mondo, con un patrimonio di 100.7 miliardi di dollari.

Condividilo:

"La forza mentale distingue i campioni dai quasi campioni". Rafael Nadal

Rafael Nadal: “La forza mentale distingue i campioni dai quasi campioni”.

“La forza mentale distingue i campioni dai quasi campioni”.

Rafael Nadal

 

Rafael Nadal Parera, detto Rafa, è nato a Manacor, il 3 giugno del 1986.

Nadar è un noto tennista spagnolo, numero 3 della classifica ATP.

Egli è l’unico giocatore della storia a non essere mai retrocesso dalla Top 10, oltre che primatista per il numero di settimane consecutive.

Inoltre, proprio per i titoli e i record conseguiti, Nadar è riconosciuto come il tennista più vincente al mondo di sempre e uno tra i più grandi atleti nella storia sportiva.

Condividilo:

“Lo sport serio non ha nulla a che fare con il fair play, è legato all’odio e alla gelosia, alla vanagloria, all’inosservanza di tutte le regole e al sadico piacere della violenza inutile. In altre parole è la guerra meno lo sparo". George Orwell

George Orwell: “Lo sport è la guerra meno lo sparo”.

“Lo sport serio non ha nulla a che fare con il fair play, è legato all’odio e alla gelosia, alla vanagloria, all’inosservanza di tutte le regole e al sadico piacere della violenza inutile.

In altre parole è la guerra meno lo sparo”.

George Orwell

 

George Orwell è nato a Motihari, il 25 giugno del 1903, e morto a Londra, il 21 gennaio del 1950.

Egli è stato un grande scrittore, giornalista, saggista e critico letterario.

Orwell è oggi considerato uno dei più grandi autori di prosa in lingua inglese del Novecento. Grande fama la sua dovuta soprattutto ai romanzi, quali:

  • La fattoria degli animali;
  • 1984;
  • Una boccata d’aria;
  • La figlia del reverendo;
  • E molti altri…
Condividilo:

"La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall'angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. E' nella crisi che sorge l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie". Albert Einstein

Albert Einstein: “La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi…”.

“La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi.

La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura.

E’ nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie”.

Albert Einstein

 

Albert Einstein è nato a Ulma, il 14 marzo del 1879, e morto a Princeton, il 18 aprile del 1955.

Einstein è stato un fisico tedesco, naturalzzato svizzero e statunitense.

Inventore dell’equazione più famosa al mondo (E=mc2), nel 1921 ha ricevuto il Premio Nobel per la fisica, «per i contributi alla fisica teorica, in particolare per la scoperta della legge dell’effetto fotoelettrico», una vera e propria svolta per la teoria dei quanti.

 

Condividilo:

"La giovinezza finisce quando il tuo calciatore preferito ha meno anni di te". David Trueba

David Trueba: “La giovinezza finisce quando il tuo calciatore preferito ha meno anni di te”.

“La giovinezza finisce quando il tuo calciatore preferito ha meno anni di te”.

David Trueba

 

David Rodríguez Trueba è nato a Madrid, il 10 settembre dle 1969.

Egli è un grande regista, sceneggiatore e scrittore spagnolo, fratello del regista Fernando Trueba.

David ha diretto svariati film, tra cui:

  • La buena vida (1996);
  • Soldados de Salamina (2003);
  • La vita è facile ad occhi chiusi (2013);

Il regista è vincitore di 6 Premi Goya, per miglior film e miglior regia.

Lo ricordiamo anche come romanziere affermato. Al 2018 ha pubblicato 6 romanzi, vincendo qualche anno prima anche il Premio de la Crítica de narrativa castellana per Saper perdere.

Condividilo:

"Fare sport è una fatica senza fatica". Gabriele D'Annunzio

Gabriele D’Annunzio: “Fare sport è una fatica senza fatica”.

“Fare sport è una fatica senza fatica”.

Gabriele D’Annunzio

 

Gabriele D’Annunzio è nato a Pescara, il 12 marzo del 1863, e morto a Gardone Riviera, il primo marzo del 1938.

Egli è stato un grande poeta, scrittore, drammaturgo, militare, giornalista, politico e patriota italiano.

Soprannominato il Vate, ovvero poeta sacro o profeta, D’Annunzio è stato il simbolo del decadentismo, occupando una posizione fondamentale nel panorama della letteratura italiana tra il 1889 e il 1910.

Importante anche come figura politica tra il 1914 e il 1924.

Condividilo:

"Lo sport non costruisce la personalità. La rivela". Heywood Hale Broun

Heywood Hale Broun: “Lo sport non costruisce la personalità. La rivela”.

“Lo sport non costruisce la personalità. La rivela”.

Heywood Hale Broun

 

Heywood Broun Hale è nato il 10 Marzo del 1918, a New York, e morto il 5 settembre del 2001, nel medesimo luogo.

Broun è stato una grande giornalista e commentatore sportivo.

Nato e cresciuto a new York, è figlio della scrittrice Ruth Hale e dell’editore Heywood Broun.

Nel 1940 ha esordito come giornalista sportivo nel tabloid PM di New York, sino alla seconda guerra mondiale, quando prestò servizio nell’artiglieria da campo dell’esercito degli Stati Uniti. Al ritorno dalla guerra tornò al PM e scrisse per il New York Star, sino al 1949, quando questo cessò le attività.

 
Condividilo:

"La vittoria ha molti padri, la sconfitta è orfana". John Keats

John Keats: “La vittoria ha molti padri, la sconfitta è orfana”.

“La vittoria ha molti padri, la sconfitta è orfana”.

John Keats

 

John Keats è nato a Londra, il 31 ottobre del 1795, ed è morto a Roma giovanissimo, il 23 febbraio del 1821, a soli 25 anni.

Keats è stato un grande poeta britannico, uno tra i più importanti del periodo Romantico.

Lo avvicinarono alla letteratura i testi di Shakespeare e le poesia di Spenser.

Tra le sue opere possiamo ricordare:

  • Hyperion;
  • The Eve of St. Agnes;
  • La Belle dame sans merci;
Condividilo:

"Perdere è un modo di apprendere. Vincere è un modo di dimenticare quel che si è appreso". Carlos Drummond De Andrade

Carlos Drummond De Andrade: “Perdere è un modo di apprendere. Vincere è un modo di dimenticare quel che si è appreso”.

“Perdere è un modo di apprendere.

Vincere è un modo di dimenticare quel che si è appreso”.

Carlos Drummond De Andrade

 

Carlos Drummond de Andrade nasce a Itabira, il 31 ottobre del 1902, e muore a Rio de Janeiro, il 17 agosto del 1987.

Egli è stato un grande poeta e scrittore brasiliano, tra i più influenti del suo temp.

Lo ricordiamo come insegnante e giornalista, successivamente anche funzionario del Ministero della Pubblica Istruzione e artefice di numerose iniziative, quali la fondazione della rivista letterariaA Revista“.

 

Condividilo:

"Non esiste curva dove non si possa sorpassare" Ayrton Senna

Ayrton Senna: “Non esiste curva dove non si possa sorpassare”.

“Non esiste curva dove non si possa sorpassare”.

Ayrton Senna

 

Ayrton Senna da Silva è nato a San Paolo, il 21 marzo del 1960, ed è morto a Bologna, il primo maggio del 1994.

Egli è stato un grande pilota automobilistico, campione del mondo di Formula 1 nel 1988, e successivamente negli anni 1990 e 1991.

Soprannominato Magic, Ayrton Senna è ad oggi considerato uno tra i più forti piloti a livello mondiale.

Lo ricordiamo anche come vincitore di ben 41 GP.

Condividilo:

"Quando non si ha futuro, si vive nel passato". John Grisham - Da "L'ombra del sicomoro"

John Grisham: “Quando non si ha futuro, si vive nel passato”.

“Quando non si ha futuro, si vive nel passato”.

John Grisham – Da “L’ombra del sicomoro”

 

John Grisham nasce l’8 febbraio del 1955 in Arkansas.

Prende piede come scrittore di gialli giudiziari nel 1988, grazie alla pubblicazione di “Il momento di uccidere“; ma Grisham diventa famoso definitivamente grazie alla pubblicazione successiva: “Il Socio“, del 1991.

Da questo momento in poi i successi sono diversi, i primi dei quali:

  • Il rapporto Pelican (1992);
  • Il Cliente (1993);

A partire dal 1991, Grisham pubblica 1 romanzo l’anno, tutti titoli poi tradotti in 40 lingue e con oltre 300 milione di copie vendute ciascuno, senza considerare le numerosi trasposizioni cinematografiche.

Grisham è ad oggi considerato uno dei maggiori autori di legal thriller.

 

 

Condividilo:

John Grisham: "Vivo in funzione del presente e mi limito a lanciare solo una pigra e occasionale occhiata al domani; per tutto il resto, lasciatemi in pace".

John Grisham: “Vivo in funzione del presente e mi limito a lanciare solo una pigra e occasionale occhiata al domani; per tutto il resto, lasciatemi in pace”.

“Vivo in funzione del presente e mi limito a lanciare solo una pigra e occasionale occhiata al domani; per tutto il resto, lasciatemi in pace”.

John Grisham – Da “L’ex avvocato”

 

John Grisham nasce l’8 febbraio del 1955 in Arkansas.

Sviluppa il suo interesse per la scrittura di gialli durante l’esercitazione della sua professione come avvocato nella difesa di casi criminali.

Il suo primo romanzo esce nel 1988, dopo 3 anni di stesura: “Il momento di uccidere(A Time to Kill). Storia che vede il suo seguito nel 2013, con la pubblicazione di “L’ombra del sicomoro“.

Il vero successo si stabilisce solo partendo da “Il Socio” (The Firm), pubblicato nel 1991 e acquistato poi da Paramount Pictures per 600.000 dollari per diventare il famoso film con Tom Cruise.

Questo romanzo trascorre 47 settimane nella classifica dei bestsellers del New York Times, sancendo la notorietà definitiva di Grisham come autore di gialli giudiziari.

 

 

 

 

Condividilo:

John Grisham: "I lividi svaniscono ma le cicatrici restano, profonde, nascoste, dolorose. Resti ferita".

John Grisham: “I lividi svaniscono ma le cicatrici restano, profonde, nascoste, dolorose. Resti ferita”.

“I lividi svaniscono ma le cicatrici restano, profonde, nascoste, dolorose.

Resti ferita”.

John Grisham – Da “L’ombra del sicomoro”

 

John Grisham nasce l’8 febbraio del 1955 a Jonesboro, in Arkansas.

Figlio di un costruttore edile, passa l’infanzia con il costante desiderio di diventare un giocatore professionista di baseball, velleità che scompare una volta presa la laurea in giurispreduenza nel 1981, che gli frutta un lavoro a Southaven, nella difesa di casi criminali.

Ma John continua a leggere, passione donatagli dalla madre in tenera età; questa sua passione gli darà la giusta spinta quando, nel 1984, resta sconcertato da una testimonianza di una 12enne vittima di stupro e decide di iniziare ad immaginare una storia dove il padre della vittima decide di farsi giustizia da solo.

Nel 1988, dopo una stesura di 3 anni, esce “Il momento di uccidere” (A Time to Kill), pubblicato da
Wynwood Press con una tiratura di 5000 copie, dopo diversi rifiuti da vari editori.

Grisham oggi è conosciuto come il maestro del giallo giudiziario.

La citazione sopra riportata fa parte del libro “L’ombra del sicomoro“, pubblicato nel 2013, come sequel de “Il momento di uccidere“.

Condividilo:

Donato Carrisi: "Perché è dal buio che vengo. Ed è al buio che ogni tanto devo ritornare".

Donato Carrisi: “Perché è dal buio che vengo. Ed è al buio che ogni tanto devo ritornare”.

“Perché è dal buio che vengo.

Ed è al buio che ogni tanto devo ritornare”.

Donato Carrisi – Da “Il suggeritore”

 

Donato Carrisi nasce a Martina Franca, nel 1973, e vive tra Roma e Milano.

Egli è un grande regista, sceneggiatore e scrittore. Ad oggi, Carrisi è noto soprattutto per i suoi romanzi bestseller internazionali, come Il suggeritore, da cui l’estratto sopra citato.

Ma i suoi bestseller sono molti; ricordiamone alcuni:

  • Il tribunale delle anime (da cui l’estratto sopra riportato);
  • La donna dei fiori di carta;
  • L’ipotesi del male;
  • Il cacciatore del buio;
  • La ragazza nella nebbia;
  •  Il maestro delle ombre;
  • L’uomo del labirinto;
  • Il gioco del suggeritore;
  • La casa delle voci;
Condividilo:

Donato Carrisi: "Dio è silenzioso, il Diavolo sussurra".

Donato Carrisi: “Dio è silenzioso, il Diavolo sussurra”.

“Dio è silenzioso,

il Diavolo sussurra”.

Donato Carrisi – Da “Il suggeritore”

 

Donato Carrisi nasce a Martina Franca, nel 1973, e vive oggi tra Roma e Milano.

Importante regista e sceneggiatore, è soprattutto noto per i suoi romanzi thriller, come “Il suggeritore” di cui l’estratto sopra citato. Si tratta di uno scritto tra i suoi bestseller a livello internazionale.

Molto lo hanno aiutato i suoi studi in criminologia e scienza del comportamento, date le tematiche noir dei suoi romanzi, dalla fama inaudita e tradotti poi in più di 30 lingue.

Ha vinto diversi premi, sia in Italia che all’estero, come il Prix Polar e il Prix Livre de Poche, o ancora il Premio Bancarelle.

Condividilo:

Donato Carrisi: "Erano soli. Come tanti altri, si potrebbe obiettare. Ma la loro solitudine era diversa. Gli era cresciuta addosso come una pianta rampicante".

Donato Carrisi: “Erano soli. Come tanti altri, si potrebbe obiettare. Ma la loro solitudine era diversa. Gli era cresciuta addosso come una pianta rampicante”.

“Erano soli.

Come tanti altri, si potrebbe obiettare.

Ma la loro solitudine era diversa.

Gli era cresciuta addosso come una pianta rampicante”.

Donato Carrisi – Da “L’ipotesi del male”

 

Donato Carrisi, nato a Martina Franca nel 1973, vive oggi tra Roma e Milano ed è conosciuto come uno tra i più grandi e famori romanzieri di thriller a livello internazionale.

Dopo aver condotto gli studi in giurisprudenza, ha frequentato corsi di criminologia e scienza del comportamento, materie in cui si è specializzato e le cui conoscenze ha utilizzato spesso per i suoi bestseller noir.

L’estratto sopra citato fa parte di uno di questi, “L’ipotesi del male“, pubblicato nel 2013 ed edito da Longanesi. Si tratta di quello che Donato Carrisi definisce libro gemello de “Il suggeritore“, in quando è stato pensato come prequel e sequel dello stesso.

Condividilo:

“Lui è me più di me stessa. Di qualunque cosa siano fatte le nostre anime, la sua e la mia sono le stesse”. Emily Jane Bronte - Da "Cime Tempestose"

Emily Jane Bronte: “Lui è me più di me stessa. Di qualunque cosa siano fatte le nostre anime, la sua e la mia sono le stesse”.

“Lui è me più di me stessa.

Di qualunque cosa siano fatte le nostre anime,

la sua e la mia sono le stesse”.

Emily Jane Bronte – Da “Cime Tempestose”

 

Emily Jane Brontë è stata un’importante scrittrice inglese della metà dell’Ottocento.

Emily ha scritto diverse poesie, ma oggi viene ricordata per l’unico romanzo pubblicato: “Cime Tempestose“, di cui l’estratto sopra riportato; scritto tra il 1845 e 1846, pubblicato poi in 2 diverse edizioni: quella della scrittrice ancora in vita, del 1847 e quella postuma, pubblicata dalla sorella Charlotte, che compone il trio delle scrittrici delle sorelle Bronte assieme ad Anne, nel 1850.

Emily non visse a lungo, morì alla tenera età di 30 anni, a causa delle gravi condizioni igieniche dell’istituto in cui visse per diverso tempo assieme alle sorelle maggiori e che le riconsegnarono una salute cagionevole.

 

 

Condividilo:

“La violenza e il tradimento sono armi a doppio taglio: feriscono più gravemente chi le usa, di chi le soffre”. Emily Jane Brontë - Da "Cime Tempestose"

Emily Jane Brontë: “La violenza e il tradimento sono armi a doppio taglio: feriscono più gravemente chi le usa, di chi le soffre”.

“La violenza e il tradimento sono armi a doppio taglio:

feriscono più gravemente chi le usa, di chi le soffre”.

Emily Jane Brontë – Da “Cime Tempestose”

 

Emily Jane Brontë nasce nello Yorkshire, il 30 luglio del 1818, e muore a Haworth, il 19 dicembre del 1848, a soli 30 anni.

Gravi condizioni di salute portarono la precoce morte di questa scrittrice inglese d’età vittoriana, frutto delle cattive condizioni igieniche della Clergy’s Daughters School di Cowan Bridge, scuola che Emily frequentò assieme alle 3 sorelle maggiori: Charlotte, Elizabeth e Maria, queste ultime due persero addirittura la vita qualche tempo dopo l’entrata nell’istituto, a causa della tubercolosi.

L’estratto sopra riportato appartiene all’unico romanzo che Emily scrisse: “Cime Tempestose“; scritto tra il 1845 e il 1846, venne pubblicato per la prima volta nel 1847 e come edizione postuma, dalla sorella Charlotte, nel1850.

Condividilo:

“Ci deve essere, fuori di noi, un’esistenza che è ancora la nostra. A che scopo esisterei, se fossi tutta contenuta in me stessa?” Emily Jane Brontë - Da "Cime Tempestose"

Emily Jane Brontë: “Ci deve essere, fuori di noi, un’esistenza che è ancora la nostra. A che scopo esisterei, se fossi tutta contenuta in me stessa?”

“Ci deve essere, fuori di noi, un’esistenza che è ancora la nostra.

A che scopo esisterei, se fossi tutta contenuta in me stessa?”

Emily Jane Brontë – Da “Cime Tempestose”

 

Emily Jane Brontë nasce a Thornton, il 30 luglio del 1818, e muore a Haworth, il 19 dicembre del 1848.

Emily è stata una delle 3 celebri sorelle Bronte (Charlotte ed Anne), ed è famosa per il suo romanzo “Cime tempestose“, pubblicato nel 1847 e da cui l’estratto sopra riportato.

Ma Emily ha scritto anche diverse poesie, la più antica resta sicuramente “Will the day be bright or cloudy?“, del 1836, sugli avvenimento di una bambina paragonati all’evolversi della giornata.

Il suo primo scritto è di qualche anno prima, il 1834, un breve racconto autobiografico, ironico e particolarmente infantile, con vari errori di punteggiatura ed ortografia, scritto e firmato da lei e la sorella Anne.

Condividilo: