"Chi insegnasse gli uomini a morire insegnerebbe loro a vivere" Montaigne

Montaigne: “Chi insegnasse gli uomini a morire insegnerebbe loro a vivere”.

“Chi insegnasse gli uomini a morire insegnerebbe loro a vivere”

Montaigne

Michel de Montaigne nasce in Francia il 28 febbraio 1533 e muore il 13 settembre 1592 ; egli è stato un filosofo, scrittore, politico francese.

La sua opera più importante sono i “Saggi“, un insieme non ordinato di pensieri; si tratta di un’opera in movimento infatti ne furono pubblicate diverse edizioni .

In essi è presente anche una dedica al lettore, dove Montaigne afferma che questo libro è un “libro sincero“, non scritto per avere gloria o riconoscimento, ma per scopo privato, affinchè alla sua morte i suoi parenti possano ricordarlo per le sue qualità e i suoi difetti.

Condividilo:

"Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso" Confucio

Confucio: “Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso”.

“Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso”

Confucio

Confucio nasce il 28 settembre 551 a C. e muore 11 aprile 479 a C.; egli è stato un filosofo cinese.

Confucio ancora bambino perde il padre e viene allevato dalla madre che riesce a garantirgli un’istruzione ottimale,  a dispetto delle condizioni economiche in cui vivono.

Confucio  si rende protagonista di una scalata sociale che gli permette di entrare tra gli Shi, una classe sociale emergente a metà tra la nobiltà e la popolazione comune che comprendeva uomini di origini modeste ma di grande talento, riuscendo a raggiungere una posizione elevata in virtù della proprie capacità intellettuali.

Condividilo:

"La vita è veramente molto semplice; noi insistiamo nel renderla complicata". Confucio

Confucio: “La vita è veramente molto semplice; noi insistiamo nel renderla complicata”.

“La vita è veramente molto semplice; noi insistiamo nel renderla complicata”.

Confucio

Confucio nasce a Zou nel 551 aC. e muore nel 479 aC. a 72 anni ; egli é stato un filosofo cinese.

Confucio segue uno stile di vita moderato, decidendo di vivere in campagna, per avere una vita appartata contraddistinta da digiuni e dalla trasmissione del sapere.

Per Confucio la lealtà e il rispetto del prossimo sono considerate come doti importantissime; così come la riflessione e la conoscenza, che hanno come fine il miglioramento di se stessi e degli altri.

 

Condividilo:

"Per essere felici bisogna credere anzitutto nella possibilità di esserlo: io adesso ci credo" Lev Tolstoj

Lev Tolstoy: “Per essere felici bisogna credere anzitutto nella possibilità di esserlo: io adesso ci credo”.

“Per essere felici bisogna credere anzitutto nella possibilità di esserlo: io adesso ci credo”

Lev Tolstoj

Lev Tolstoj nasce il 9 settembre  1828 e muore il 20 novembre 1910; egli è stato scrittore, filosofo, educatore e attivista russo.

Lev Tolstoj ebbe una vita lunga e tormentata, con una costante evoluzione interiore.

Tolstoj lottò con se stesso e con il mondo , e questo combattimento costante alimentò senza sosta l’impulso creativo.

Condividilo:

"Se ne intendeva, mi pare colui che disse che un buon matrimonio si compone di una moglie cieca e di un marito sordo". Michel de Montaigne

Montaigne: “Se ne intendeva, mi pare colui che disse che un buon matrimonio si compone di una moglie cieca e di un marito sordo”.

“Se ne intendeva, mi pare colui che disse che un buon matrimonio si compone di una moglie cieca e di un marito sordo”.

Michel de Montaigne

Michel de Montaigne nasce in Francia il 28 febbraio 1533 e muore il 13 settembre 1592; egli è stato un filosofo, politico, scrittore francese.

Michel de Montaigne nel 1565 sposò Francoise de La Chassaigne, più giovani di dodici anni, con lei ebbe sei figlie,  di cui ne sopravvisse solo una.

Per Montaigne il matrimonio non aveva un grande valore: i coniugi infatti dormivano separati, cosa frequente all’epoca, e Montaigne preso dai suoi impegni lasciava volentieri la gestione delle sue proprietà alla consorte.

Condividilo:

Luciano Ligabue: "Questa è la mia vita, se entri chiedimi il permesso."

Luciano Ligabue: “Questa è la mia vita, se entri chiedimi il permesso”.

“Questa è la mia vita, se entri chiedimi il permesso”

Luciano Ligabue

Questa frase è di Luciano Ligabue ed è contenuta nella canzone “Questa è la mia vita“.

Luciano Ligabue nasce a Correggio, il 13  marzo 1960, ed è uno dei più grandi cantautori italiani.

Ligabue oltre a scrivere canzoni di successo si è anche dedicato alla scrittura di libri e ha scelto anche di scrivere la sceneggiatura di un film: “Radio Freccia“.

Suo è uno dei concerti con maggior numero di persone partecipanti che si tenne a Campovolo , durante il quale il cantante si alterna su quattro palchi diversi: uno principale, uno per esibirsi acusticamente, uno per esibirsi col violinista Pagani e un altro per cantare con la sua vecchia band i “ClanDestino“.

Condividilo:

Luciano Ligabue: "Ho messo via un bel po' di cose ma non mi spiego mai perché, io non riesca a metter via te."

Luciano Ligabue: “Ho messo via un bel po’ di cose ma non mi spiego mai perché, io non riesca a metter via te”.

“Ho messo via un bel po’ di cose ma non mi spiego mai perché, io non riesca a metter via te.”

Luciano Ligabue

 

Questa frase è di Luciano Ligabue ed è presente nella canzone “Ho messo via“.

Luciano Ligabue, conosciuto come Liga, è nato a Correggio il 13 marzo 1960; ed è uno dei più grandi cantautori italiani.

La svolta nella sua carriera arriva nel 1995 con l’album Buon compleanno Elvis che vende oltre 1.200.000 copie e che contiene la canzone “Certe notti” che vince la Targa Tenco come migliore canzone dell’anno.

Condividilo:

Luciano Ligabue: "Si fa presto a cantare che il tempo sistema le cose, si fa un pò meno presto a convincersi che sia così"

Luciano Ligabue: “Si fa presto a cantare che il tempo sistema le cose, si fa un pò meno presto a convincersi che sia così”.

“Si fa presto a cantare che il tempo sistema le cose, si fa un pò meno presto a convincersi che sia così”.

Luciano Ligabue

Quasta frase è contenuta nella canzone “L’odore del sesso” di Luciano Ligabue.

Luciano Ligabue, conosciuto con il nome di Liga, è un cantautore, musicista, scrittore e produttore discografico.

Ligabue è nato a Correggio il 13 marzo 1960.

Ligabue è uno dei cantati italiani più noti ed ha ricevuto due Targhe Tenco, un Premio Tenco, un Premio Le parole della musica e un Premio Lunezia.

Nel 2005 a Campovolo ha ottenuto il record europeo di spettatori paganti per un concerto fatto da un solo cantante.

Condividilo:

Lev Tolstoj: "Non v'è grandezza dove non ci sono semplicità, bontà e verità".

Lev Tolstoj: “Non v’è grandezza dove non ci sono semplicità, bontà e verità”.

“Non v’è grandezza dove non ci sono semplicità, bontà e verità”.

Lev Tolstoj

Lev Tolstoj nasce in Russia il  9 settembre 1828 e muore il 20 novembre 1910; è stato un filosofo, scrittore, educatore, attivista russo.

Nell’ultimo periodo della sua vita Tolstoj scrive molto, il suo scopo è quello di diffondere il suo pensiero religioso. Di fatto nelle sue opere Tolstoj affronta molti temi, tutti sempre tesi verso l’uomo e il suo dubbio esistenziale.

Condividilo:

Lev Tolstoj: "Tutte le idee che hanno enormi conseguenze sono sempre idee semplici".

Lev Tolstoj: “Tutte le idee che hanno enormi conseguenze sono sempre idee semplici”.

“Tutte le idee che hanno enormi conseguenze sono sempre idee semplici”

Lev Tolstoj

Lev Tolstoj nasce in Russia il 9 settembre e muore il  20 novembre 1910 a causa di una polmonite; egli è stato un filosofo, scrittore, attivista russo.

Lev Tolstoj perde la madre quando ha solo due anni e rimane pultroppo orfano all’età  di nove anni.

Lev Tolstoj viene cresciuto da una zia che gli permette di  frequentare l’Università, anche se non riesce a completare gli studi.

Nel 1860 perde il fratello e l’evento lo lascia molto turbato, decide di sposarsi con Sofia Andrèevna Behrs, ed il matrimonio gli permette di raggiungere uno stato  di tranquillità; in questi anni, infatti, pubblica i suoi capolavori “Guerra e pace” e “Anna Karenina“.

Condividilo:

Lev Tolstoj: "L'uomo ama,non perché sia suo interesse amar questo o quello, ma perché l'amore è l'essenza dell'anima sua: perché non può non amare".

Lev Tolstoj: “L’uomo ama, non perché sia suo interesse amar questo o quello, ma perché l’amore è l’essenza dell’anima sua: perché non può non amare”.

“L’uomo ama, non perché sia suo interesse amar questo o quello,

ma perchè l’amore è l’essenza dell’anima sua: perchè non può non amare”.

Lev Tolstoj

Lev Tolstoj nasce in Russia il 9 settembre 1828 e muore il 20 novembre 1910.

Egli è stato uno scrittore, filosofo ed educatore russo.

Lev Tolstoj divenne celebre in Russia grazie ad un gruppo di scritti giovanili sulla realtà della guerra, mentre ottenne il successo internazionale grazie ai romanziGuerra e pace “e “Anna Karenina” a cui seguirono altre opere sempre rivolte all’introspezione dei personaggi e all’etica.

La fama dello scrittore è anche legata al suo pensiero pedagogico, filosofico e religioso, che ispirarono la condotta non violenta dei tolstoiani e del Mahatma Gandhi.

Condividilo:

Lev Tolstoj: "Vi è un solo modo per vivere felici: vivere per gli altri".

Lev Tolstoj: “Vi è un solo modo per vivere felici: vivere per gli altri”.

“Vi è un solo modo per vivere felici: vivere per gli altri”

Lev Tolstoj

Lev Tolstoj nasce in Russia il 9 settembre 1828 e muore il 20 novembre del 1910; egli è stato uno scrittore, filosofo, educatore, attivista russo.

Lev Tolstoj nel 1851 si arruola come ufficiale e partecipa alla guerra di Crimea, dove viene in contatto diretto con la morte. Nel 1860 perde il fratello, questo evento lo lascia molto turbato. Dopo questo periodo difficile, decide di sposarsi e il matrimonio gli permette di raggiungere uno stato di serenità stabile.

In questi anni nascono i due suoi capolavori più importanti “Guerra e pace” e “Anna Karenina“.

Condividilo:

Lev Tolstoj: "Non c'è nulla di più forte di quei due combattenti là: tempo e pazienza".

Lev Tolstoj: “Non c’è nulla di più forte di quei due combattenti là: tempo e pazienza”.

“Non c’è nulla di più forte di quei due combattenti là: tempo e pazienza”

Lev Tolstoj

Lev Tolstoj nasce il 9 settembre 1828 nella tenuta Jasnaja Poljana e muore il 20 novembre 1910; egli è stato uno scrittore, filosofo, educatore, attivista sociale russo.

Lev Tolstoj in gioventù s’inscrive all’università di Kazan, prima alla facoltà di filosofia e poi, l’anno dopo, a quella di giurisprudenza, ma a causa del suo scarso impegno non riuscirà mai a conseguire la laurea.

Si occuperà da solo della propria istruzione, ma questa formazione da autodidatta lo porterà a provare un senso di disagio nei confronti della società.

Condividilo:

Alda Merini: "Ogni ruga sui nostri volti è una storia vissuta con coraggio, con orgoglio, sorriso, pianto, amore. Sono come le parole d'un libro aperto sfogliato dal tempo davanti agli occhi del mondo."

Alda Merini: “Ogni ruga sui nostri volti è una storia vissuta con coraggio, con orgoglio, sorriso, pianto, amore. Sono come le parole d’un libro aperto sfogliato dal tempo davanti agli occhi del mondo.”

“Ogni ruga sui nostri volti è una storia vissuta con coraggio, orgoglio, sorriso, pianto, amore.
Sono come le parole d’un libro aperto sfogliato dal tempo davanti agli occhi del mondo.”
(Alda Merini)

Questa frase è di Alda Merini, nata a Milano nel 1931 e morta nel 2009, sempre a Milano. La Merini è stata una grande poetessa e scrittrice italiana. Dopo aver frequentato il ciclo elementare con ottimi risultati , il padre le impone di frequentare i tre anni di avviamento al lavoro. A 15 anni esordisce come scrittrice, grazie ad una sua insegnante delle medie, così successivamente viene in contatto con Giacinto Spagnoletti che divenne la sua guida in modo da valorizzare il suo talento letterario. Dal 1947 la Merini incorre nei suoi primi problemi di salute che la porteranno a passare alcuni anni in una clinica psichiatrica. Dopo questo periodo escono i suoi testi più intensi e drammatici tra cui “La Terra Santa”con il quale la scrittrice vincerà nel 1993 il Premio Librex Montale.

Il tempo, la nostalgia, il piacere del ricordo dei tempi andati e delle cose a cui siamo affezionati perché ci ricordano emozioni passate, anche se oggi possono essere considerati vintage, sono dei temi ricorrenti negli aforismi di intellettuali ed artitsti. Altri aforismi e citazioni sulle rughe e sul tempo che puoi trovare nel nostro portale messaggi-online.it :

L.Ligabue: Conosco le certezze dello specchio. E il fatto che da quelle non si scappa.

Condividilo:

La tristezza è causata dall'intelligenza. Più comprendi certe cose, e più vorresti non comprenderle. Charles Bukowski

Charles Bukowski: “La tristezza è causata dall’intelligenza. Più comprendi certe cose, e più vorresti non comprenderle”.

La tristezza è causata dall’intelligenza.
Più comprendi certe cose, e più vorresti non comprenderle.
Charles Bukowski

 

Henry Charles Hank Bukowski Jr. è nato ad Andernach, il16 agosto nel 1920 e morto a Los Angeles nel 1994.

Ricordato anche con lo pseudonimo Henry Chinaski, egli è stato uno tra i più grandi poeti e scrittori americani del Novecento.

Condividilo:

La gente si aggrappa all'abitudine come ad uno scoglio, quando invece dovrebbe staccarsi e tuffarsi in mare. E vivere. Charles Bukowski

Charles Bukowski: “La gente si aggrappa all’abitudine come ad uno scoglio, quando invece dovrebbe staccarsi e tuffarsi in mare. E vivere”.

La gente si aggrappa all’abitudine come ad uno scoglio, quando invece dovrebbe staccarsi e tuffarsi in mare. E vivere.
Charles Bukowski

Henry Charles Bukowski è nato ad Andernach nel 1920 e morto a Los Angeles nel 1994.

Egli è stato un grande poeta e scrittore statunitense, che ha scritto 6 romanzi, centinaia di racconti e tantissime poesie, praticamente più di 60 libri.

Le poesie in particolare riportano la sua vita: un insieme di avventure con l’alcool e svariate esperienze sessuali, oltre che i burrascosi rapporti che Bukowski aveva con le persone.

Condividilo:

Charles Bukowski: "Sempre più mi aspetto sempre meno".

Charles Bukowski: “Sempre più mi aspetto sempre meno”.

Sempre più mi aspetto sempre meno.
Charles Bukowski

Charles Bukowski, poeta e scrittore americano, vive nel corso del Novecento prevalentemente a Los Angeles.

Egli viene ancora oggi associato al realismo sporco e a tutta quella letteratura di espressione della propria vita ben fuori dagli schemi; difatti, la maggior parte delle sue opere, soprattutto le poesie, tratta il rapporto dell’autore con l’alcool ed il sesso.

Condividilo:

Chris Gardner: "Non permettere mai a nessuno di dirti che non sai fare qualcosa".

Chris Gardner: “Non permettere mai a nessuno di dirti che non sai fare qualcosa”.

Non permettere mai a nessuno di dirti che non sai fare qualcosa.
Chris Gardner

Christopher Paul Gardner è un imprenditore americano, nato a Milwaukee nel 1954.

Egli è oggi presidente e proprietario della Christopher Gardner International Holdings.

Il suo libro delle memorie, intitolato “La ricerca della felicità“, pubblicato nel 2006, è stato trasformato in film da Gabriele Muccino, riportanto il periodo di povertà dell’autore, vissuto negli anni Ottanta assieme al figlio piccolo Christopher Jr.

Condividilo:

Karl Barth

Karl Barth: “Nessuno può tornare indietro e incominciare un nuovo inizio, ma chiunque può partire oggi e creare un nuovo finale”.

Nessuno può tornare indietro e incominciare un nuovo inizio, ma chiunque può partire oggi e creare un nuovo finale.
Karl Barth

Karl Barth, nato nel 1886 e morto nel 1968 in Basilea, è stato un grande teologo e pastore riformato della Svizzera.

Entrato nelle scene religiose negli anni venti del Novecento, con “L’epistola ai Romani”, ha dato vita al movimento religioso “teologia dialettica”, che aveva il compito di affermare la rottura tra Dio e uomo, al contrario della teologia liberale che invece proclamava un continuum tra Dio e uomo stesso.

 

Condividilo:

Non dir di me finché di me non sai, parla di te e di me poi dirai.

Non dir di me finché di me non sai, parla di te e di me poi dirai.
Proverbio

Proverbio molto conosciuto tra le masse che rispecchia la visione condivisa di quanto sia errato parlare degli altri in modo totalmente improprio, senza riflettere abbastanza prima di parlare o giudicare chi abbiamo intorno.

Alle persone, noi comprese, piace molto parlare degli altri, ma pochissimo di noi stesse, biasimando chi magari non ha le nostre stesse idee o modi di vivere.

 

Questo proverbio tende proprio a promuovere la riflessione e il rispetto prima di parlare di altri.

 

 

 

Condividilo:

Antoine de Saint-Exupéry

Antoine de Saint-Exupéry: “Se vuoi costruire una barca, non radunare uomini per tagliare legna, dividere i compiti e impartire ordini, ma insegna loro la nostalgia per il mare vasto e infinito”.

Se vuoi costruire una barca, non radunare uomini per tagliare legna, dividere i compiti e impartire ordini, ma insegna loro la nostalgia per il mare vasto e infinito.
Antoine de Saint-Exupéry

Antoine Jean Baptiste Marie Roger de Saint-Exupéry, più noto come Tonio, nacque a Lione, il 29 giugno del 1900 e morì all’Isola di Riou, il 31 luglio del 1944.

Egli viene ricordato oggi come grande scrittore, oltre che facente parte del corpo militare francese come aviatore.

La sua più grande opera ricordata  sicuramente “Il piccolo principe”, testo più tradotto nel mondo, tra lingue e dialetti differenti.

Tonio vinse svariati premi letterari, sia in Francia che all’estero.

Condividilo:

Seneca

Seneca: “Vivi con quelli che possono renderti migliore e che tu puoi rendere migliori. C’è un vantaggio reciproco, perché gli uomini, mentre insegnano, imparano”.

Vivi con quelli che possono renderti migliore e che tu puoi rendere migliori.
C’è un vantaggio reciproco, perché gli uomini, mentre insegnano, imparano.
Seneca

Lucio Anneo Seneca, nasce a Corduba il 4 a.C. e muore a Roma il 19 aprile del 65 d.C.

Egli è stato un grande filosofo e politico romano, ricordato come importante stoico eclettico dell’età impariale; molto attivo nella vita pubblica romana come senatore e questore, che diede un grande input riformatore all’intero sistema politico del tempo.

Condividilo:

Vedi in fondo siamo sempre qui non è obbligatorio essere eroi. Luciano Ligabue

Luciano Ligabue: “Vedi in fondo siamo sempre qui non è obbligatorio essere eroi”.

Vedi in fondo siamo sempre qui non è obbligatorio essere eroi.
Luciano Ligabue

Luciano Riccardo Ligabue, noto oggi più comunemente come Ligabue o Liga, nasce a Correggio, il 13 marzo del 1960.

Ligabue è un grande cantautore, musicista, scrittore, sceneggiatore e produttore discografico italiano, famosissimo oggi a livello internazionale.

I premi conferitigli nel tempo sono davvero numerosi; tra cui ricordiamo: 2 Targhe Tenco, un Premio Tenco, un Premio Le parole della musica, un Premio Lunezia per l’album Miss Mondo; insomma un totale di più di 60 premi per i suoi trent’anni di odierna carriera musicale, più 5 come scrittore e 12 onorificenze per l’attività conematografica.

Condividilo:

Prima di parlare domandati se ciò che dirai corrisponde a verità, se non provoca male a qualcuno, se è utile, ed infine se vale la pena turbare il silenzio per ciò che vuoi dire. Buddha

Buddha: “Prima di parlare domandati se ciò che dirai corrisponde a verità, se non provoca male a qualcuno, se è utile…”

Prima di parlare domandati se ciò che dirai corrisponde a verità,
se non provoca male a qualcuno,
se è utile,
ed infine se vale la pena turbare il silenzio per ciò che vuoi dire.
Buddha

Siddhartha Gautama, chiamato anche Gautama Buddha o Buddha storico, o ancora più semplicemente Buddha, è stato un monaco buddhista, filosofo e asceta indiano, vissuto all’incirca tra il 566 a.C. e il 486 a.C.

Si dice che Buddha visse all’interno di una nobile e ricca famiglia indiana di stirpe guerriera, dominante su tutto il paese. Difatti, il padre regnava su uno degli stati in cui, a quei tempi, era suddivisa l’India del nord, mentre la madre viene particolarmente ricordata per la straordinaria bellezza.

Condividilo:

Un buon insegnante è uno che si rende progressivamente superfluo.” Thomas Carruthers

Thomas Carruthers: “Un buon insegnante è uno che si rende progressivamente superfluo”.

Un buon insegnante è uno che si rende progressivamente superfluo.
(Thomas Carruthers)

Thomas Carruthers nasce il 10 giugno del 1900 a Collierville, nel Tennessee e muore il 12 giugno del 1960.

Egli è stato vescovo della diocesi episcopale della Carolina del Sud, dal 1944 sino alla morte, nel 1960.

Thomas Carruthers ha studiato presso la Collierville High School e poi si è laureato al Sewanee, ne The Universit of the South, nel 1921.

Condividilo:

Se un giorno non avrai voglia di parlare con nessuno, chiamami: staremo in silenzio. Gabriel Garcìa Marquez

Gabriel Garcìa Marquez: “Se un giorno non avrai voglia di parlare con nessuno, chiamami: staremo in silenzio”.

Se un giorno non avrai voglia di parlare con nessuno, chiamami: staremo in silenzio.
Gabriel Garcìa Marquez

 

Gabriel José de la Concordia Garcìa Màrquez, detto Gabo, nacque ad Aracataca, nel 1927 e morì a Città del Messico, nel 2014.

Egli fu uno scrittore, saggista e giornalista colombiano naturalizzato messicano.

Gabo viene ricordato soprattutto come importante esponente del realismo magico, grazie al suo stile scorrevole e ricco di amara ironia, dove la fantasia si intreccia spesso alla realtà e la leggenda alla storia.

Ricordiamo la sua opera più importante “Cent’anni di solitudine”, che venne dichiarata, dal IV Congresso Internazionale della Lingua Spagnola del 2007, la seconda opera in lingua spagnola più importante mai scritta sino a quel momento, dopo il “Don Chisciotte della Mancia” di Miquel de Cercantes.

Ricordiamo poi il premio Nobel per la Letteratura, preso nel 1982.

Condividilo:

Non camminare dietro a me, potrei non condurti. Non camminarmi davanti, potrei non seguirti. Cammina soltanto accanto a me e sii mio amico. Albert Camus

Albert Camus: “Non camminare dietro a me, potrei non condurti. Non camminarmi davanti, potrei non seguirti. Cammina soltanto accanto a me e sii mio amico”.

Non camminare dietro a me, potrei non condurti.
Non camminarmi davanti, potrei non seguirti.
Cammina soltanto accanto a me e sii mio amico.
Albert Camus

Albert Camus nasce a Drèan in Algeria il 7 novembre del 1913 e muore in Francia il 4 gennaio del 1960; egli è stato uno scrittore, filosofo, saggista, drammaturgo, attivista e politico francese.

Albert Camus è stato in grado, nelle sue opere, di descrivere la tragicità di un periodo molto tumultuoso della storia contemporanea: quello che dal secondo dopo guerra porta all’inizio della guerra fredda.

Il suo lavoro è sempre rivolto a comprendere i turbamenti dell’uomo di fronte all’esistenza. Per Camus lo scopo del vivere e dell’agire sta nel combattere le ingiustizie sociali, oltre alle espressioni di poca umanità come può essere la pena di morte.

Camus, grazie alle sue opere, nel 1957 fu anche insignito del Premio Nobel per la letteratura.

Condividilo:

Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare. Winston Churchill

Winston Churchill: “Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare”.

Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare.
Winston Churchill

 

Sir Winston Leonard Spencer Churchill, nacque a Woodstock, nel 1874 e morì a Londra nel 1965.

Egli è stato un noto politico, giornalista, militare e storico inglese.

Lo ricordiamo come Primo ministro del Regno Unito, dal 1940 al 1945 e poi di nuovo dal 1951 al 1955. Poi fu membro del Parlamento tra 199 e 1922, poi dal 1924 al 1964, oltre che leader del Partito Conservatore dal 1940 al 1955.

Condividilo:

Piero Calamandrei

Piero Calamandrei: “La libertà è come l’aria: ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare”.

La libertà è come l’aria: ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare.
Piero Calamandrei

 

Pietro Calamandrei è nato a Firenze, nel 1889 e morto nella stessa città, nel 1956.

Egli è stato un noto politico, avvocato e accademico italiano, oltre che uno tra i fondatori del Partito dAzione, con Parri e La Malfa. Ricordiamo inoltre il suo famoso diario, scritto proprio in questo periodo, tra il 1939 e il 1945, oggi particolarmente importante come fonte dell’epoca.

Condividilo:

Jim Morrison: "La migliore libertà è essere se stessi".

Jim Morrison: “La migliore libertà è essere se stessi”.

La migliore libertà è essere se stessi.
Jim Morrison

James Douglas Morrison è nato nel 1943, a Melbourne, e morto nel 1971, a Parigi; egli è stato un grande cantautore e poeta americano.

Ad oggi è ricordato come il frontman della band The Doors, oltre che come grande figura rivoluzionaria degli anni Sessanta e dell’inquietudine giovanile del tempo.

Ricordiamo il suo grande successo nel 2008, quando entrò nella classifica dei 100 migliori cantanti secondo Rolling Stone, al 47° posto, e poi, l’anno dopo, al 22° nella classifica dei 50 Grandi Cantanti del Rock.

Condividilo: