"Un bambino può insegnare sempre tre cose a un adulto: a essere contento senza un motivo, a essere sempre occupato con qualche cosa e a pretendere con ogni sua forza quello che desidera". Paulo Coelho

Paulo Coelho: “Un bambino può insegnare sempre tre cose a un adulto: a essere contento senza un motivo, a essere sempre occupato con qualche cosa e a prendere con ogni sua forza quello che desidera”.

“Un bambino può insegnare sempre tre cose a un adulto: a essere contento senza un motivo, a essere sempre occupato con qualche cosa e a pretendere con ogni sua forza quello che desidera”.
( Paulo Coelho )

Questa frase è di Paulo Coelho, noto scrittore brasiliano nato a Rio de Janeiro il 24 agosto 1947. Fin da ragazzo mostra una sorta di insofferenza verso le regole ed un amore per la letteratura. Viaggia molto in vari paesi europei, dove le esperienze fatte sono fonte d’ispirazione per le sue opere.

I suoi testi riscuotono molto successo; la sua opera principale “L’Alchimista” vende 11 milioni di copie e rimane in classifica per trentatre settimane consecutive. Il significato di questa frase riguarda l’importanza per gli adulti di lasciare vivo il bambino che è dentro di ciascuno, perché ci mantiene spontanei come nei tre insegnamenti riportati da Coelho . Una citazione dal significato simile è la seguente di Fabrizio De Andrè :

Essere se stessi è una virtù esclusiva dei bambini, dei matti e dei solitari. (Fabrizio De André)

Condividilo:

Essere se stessi è una virtù esclusiva dei bambini dei matti e dei solitari. (Fabrizio De André)

Essere se stessi è una virtù esclusiva dei bambini, dei matti e dei solitari. (Fabrizio De André)

Essere se stessi è una virtù esclusiva dei bambini, dei matti e dei solitari.
(Fabrizio De André)

Fabrizio De Andrè nasce a Pegli il 18 febbraio del 194o e muore l’11 gennaio del 1999 a Milano. E’ stato  un cantautore e poeta italiano, è conosciuto anche con l’appellativo di Faber, che gli attribuì Paolo Vilaggio per la sua predilezione per i pennarelli  e le matite della Faber-Castel, oltre per l’assonanza con il suo nome Fabrizio.

De Andrè ha inciso quattordici album, più altre canzoni pubblicate come singoli. Molti testi delle canzoni di De Andrè parlano di ribelli, emigrati, prostitute e sono state considerate da molti critici come delle vere poesie. Infatti dagli anni settanta qualcuna di esse è stata inserita in antologie scolastiche. In quaranta anni di carriera ha venduto 65 milioni di dischi ed è stato assieme a Gino Paoli, Bruno Lauzi e Luigi Tenco uno degli esponenti della scuola genovese, che ha rinnovato profondamente la musica italiana.

 

Condividilo:

"I bambini vengono educati da quello che gli adulti sono e non dai loro discorsi".

“I bambini vengono educati da quello che gli adulti sono e non dai loro discorsi”. ( Jung )

“I bambini vengono educati da quello che gli adulti sono e non dai loro discorsi”.
( Carl Gustav Jung )

Questa frase è di Carl Gustav Jung , grande psichiatra, filosofo, psicoanalista svizzero nato nel 1875 e morto nel 1961. All’inizio Jung si fu molto vicino alle idee e alle teorie di Freud, ma con il passare degli anni se ne discostò. Arrivò infatti a sostenere che il comportamento dell’individuo non è determinato solo dalla sua storia individuale ma anche dalle sue aspirazioni e dai suoi scopi. Per Jung l’inconscio è formato da immagini , gli archetipi,  la cui rappresentazione simbolica si manifesta attraverso i sogni, l‘arte e la religione.

Condividilo:

Cosa insegna un bambino ad un adulto

Un bambino può insegnare sempre tre cose a un adulto:

  1. a essere contento senza un motivo,
  2. a essere sempre occupato con qualche cosa
  3. a pretendere con ogni sua forza quello che desidera.

(Paulo Coelho)

Condividilo: