A nulla valgon le spine inferte nel cuore
se non per alleviare il dolore di un rimpianto
e noi ancor qui a lottar per un dolce tuo bacio
sento che le roventi spine stan passando
Oh dolce mia divin creatura
una musa di canti poetici ispiri il mio cuore
e la voglia di un sol bacio mi tormenta
Ancor aspettar Crono è il mio destino
ma è nel tuo superbo abbraccio che mi smarrisco
Mia dolce creatura
a te dedico il mio canto che in un sol fiato perdura

Condividilo: