"Non possiamo dirigere il vento, ma possiamo orientare le vele" Seneca

Seneca: “Non possiamo dirigere il vento, ma possiamo orientare le vele”.

Non possiamo dirigere il vento, ma possiamo orientare le vele.
(Seneca)

Lucio Anneo Seneca è nato a Cordoba nel 4 a.C. e morto a Roma nel 65 d.C.; egli è ricordato come grande filosofo, drammaturgo e politico ai tempi dell’antica Roma.

Seneca, prima esponente del pitagorismo, obbligato poi ad abbandonarlo dal padre, fu poi esponente dello stoicismo eclettico e grande riformatore della vita pubblica romana, come senatore e questore.

Lo ricordiamo anche come tutore e precettore del futuro Imperatore Nerone, sotto incarico della madre Giulia Agrippina Augusta.

Il significato di questa frase riguarda il senso da dare alla propria vita, per cercare di orientarla quanto più possibile verso i nostri obiettivi , senza cedere al fatalismo e ritenersi segnati dal destino. Visto con le categorie dei nostri giorni, possiamo considerarlo un esempio di aforisma motivazionale. Sono diverse le citazioni di Seneca con un significato simile che puoi trovare su messaggi-online.it , eccone alcuni esempi:

Seneca: “Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare”.

Seneca: La fortuna non esiste. Esiste il momento in cui il talento incontra l’occasione.

Condividilo:

Non hai bisogno di vedere l'intera scalinata. Inizia semplicemente a salire il primo gradino. (Martin Luther King)

Martin Luther King: Non hai bisogno di vedere l’intera scalinata. Inizia semplicemente a salire il primo gradino.

Non hai bisogno di vedere l’intera scalinata.
Inizia semplicemente a salire il primo gradino.
(Martin Luther King)

Martin Luther King è stato un pastore protestante, politico  e attivista statunitense. Nacque ad Atlanta ( in Georgia ) il 15 gennaio 1929 e morì a Memphis ( nel Tennessee ) il 4 aprile del 1968 .

Martin Luther King  è uno dei massimi esponenti della teoria della non violenza, paladino degli emarginati, egli ha sempre lottato affinché fosse abbattuto nella società americana degli anni cinquanta e sessanta ogni forma di razzismo e pregiudizio etnico. Ha sempre considerato e sostenuto la resistenza non violenta come la più giusta alternativa alla rassegnazione passiva e alla reazione violenta sostenuta da altri gruppi.

Questa citazione è un classico esempio di aforisma motivazionale. Eccone alcuni dal significato simile che puoi trovare su messaggi-online.it :

Gli ostacoli sono quelle cose spaventose che vedi quando togli gli occhi dalla meta. ( Henry Ford )

Chi ha un perché abbastanza forte, può superare qualsiasi come. (Friedrich Nietzsche)

 

 

Condividilo:

Devi sapere cosa vuoi altrimenti devi prendere cosa viene. (Proverbio cinese)

Devi sapere cosa vuoi altrimenti devi prendere cosa viene. (Proverbio cinese)

Devi sapere cosa vuoi altrimenti devi prendere cosa viene.
(Proverbio cinese)

Questo antico proverbio cinese affronta un tema ricorrente riguardo gli obiettivi della vita e la forza di volontà e la lucidità necessaria nel raggiungerli. In altri termini potremmo parlare di capacità decisionale riguardo alla propria vita o, per usare un termine anglosassone, di decision making.

E’ un tema ricorrente, con frasi simili che sono state pronunciate o scritte da autori trasversali nel tempo e nell’estrazione sociale, da Socrate a Bukowski a Walt Disney . Ecco alcuni esempi di aforismi dal significato simile che puoi trovare su messaggi-online.it :

Charles Bukowski: “Avrei potuto anche accontentarmi, ma è così che si diventa infelici”

Seneca: “Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare”.

Chiediti se ciò che stai facendo oggi ti avvicina al luogo in cui vuoi essere domani. ( Walt Disney )

La differenza tra un sogno e un obiettivo è una data. (Walt Disney)

 

Condividilo:

Gli ostacoli sono quelle cose spaventose che vedi quando togli gli occhi dalla meta. ( Henry Ford )

Gli ostacoli sono quelle cose spaventose che vedi quando togli gli occhi dalla meta. ( Henry Ford )

Gli ostacoli sono quelle cose spaventose che vedi quando togli gli occhi dalla meta.
( Henry Ford )

Henry Ford nasce a Dearborn  il 30 luglio del 1863 e muore a Detroit il 7 aprile del 1947. E’ stato un imprenditore e uno dei fondatori della Ford Motor Company , società che produce automobili ancora oggi.

Nel 1899 divenne ingegnere capo nella Detroit Automobile Company, dopo tre anni decise di lasciarla e fondare la Ford , dove con lo scopo di abbassare i prezzi, introdusse il sistema della catena di montaggio. Resta famosa la Ford T la prima auto prodotta sua larga scala , tanto che ne furono costruite più di 15 milioni di esemplari.

Questa citazione è un classico esempio di aforisma motivazionale, che spinge chi legge a concentrarsi sugli obiettivi e non trovare alibi nel raggiungerli. Molti personaggi di successo ne hanno scritti, dagli scrittori agli imprenditori ai cantanti. Di seguito ne riportiamo due esempi di autori molto diversi tra loro, Jules Verne e il rapper Eminem :

Non ci sono ostacoli impossibili, ci sono solo volontà forti e deboli. (Jules Verne)

Se un sogno ha tanti ostacoli, allora è quello giusto. (Eminem)

 

Condividilo:

La differenza tra un sogno e un obiettivo è una data. (Walt Disney)

La differenza tra un sogno e un obiettivo è una data. (Walt Disney)

La differenza tra un sogno e un obiettivo è una data.
( Walt Disney )

Questa frase è di Walt Disney, che è stato  un animatore, imprenditore, disegnatore e produttore cinematografico statunitense. Nacque a Chicago, nell’Illinois, il 5 Novembre del 1901 e morì a Burbank, in California, il 15 dicembre del 1966.

Walt Disney  è riconosciuto come uno dei padri dei film d’animazione, con i suoi collaboratori ha dato vita ai più famosi personaggi dei cartoni animati, tra cui Topolino che molti considerano il suo alter ego. Nel 1955 ha inoltre pensato e creato ad Anaheim, in California, Disneyland, il primo parco giochi a tema , a cui ne sono seguiti una lunga serie in tutto il mondo. Walt Disney detiene anche il record di Premi Oscar vinti in carriera, infatti ha ricevuto 59 candidature e ha vinto 26 premi, di cui 4 onorari.

Condividilo: