“Di certe idee,
di certe voglie,
di certi desideri,
di certi progetti,
di certi bisogni,
di certi incontri,
amo la prepotenza.”

(Charles Baudelaire , Les Fleurs Du Mal – I Fiori del Male )

Considerato uno dei più importanti poeti del XIX secolo, Charles Baudelaire è l’esponente chiave del simbolismo, nonché anticipatore del decadentismo.

Les Fleurs Du Mal (I Fiori del Male), opera da cui è tratta questa lirica, nonché  la sua opera maggiore, è considerata uno dei classici della letteratura francese e mondiale. Il titolo simbolico è, in realtà, fonte di due significati differenti: ‘fiori’ sinonimo di bellezza, ‘male’ come degrado e volgarità di ciò che li circonda. Infatti ‘i fiori’, nascendo dalla terra, fanno parte della natura maligna e perciò vengono detti ‘del male’, ma senza dimenticare che dalla sofferenza nasce la bellezza.

Questa lirica in particolare sta a significare la forza con cui si ricerca nella vita. L’intensità stessa con cui si dovrebbe sempre vivere e la passione sfrenata del poeta per il vigore con cui tutto ciò che pensiamo, diciamo o facciamo, dovrebbe essere espresso.

Condividilo: