“La gente ama molto dare ciò che avrebbe più bisogno di ricevere.”

           (Oscar Wilde , Il ritratto di Dorian Gray)

Oscar Wilde, grande esponente del decadentismo e dell’estetismo britannici della seconda metà dell’Ottocento, è considerato, ad oggi, importante figura della letteratura e drammaturgia britannica.

Le sue opere, tra le quali, in particolare, i suoi testi teatrali, sono considerate dei veri e propri capolavori del teatro dell’Ottocento. Ma non solo, romanzi importanti sono rimasti tra le radici della storia artistica contemporanea, come “The Picture of Dorian Gray” (“Il Ritratto di Dorian Gray”), opera da dove appunto è tratta la frase qui sopra riportata.

E come molte altre opere, anche questo romanzo ha goduto di talmente tanto successo da essere riprodotto su pellicola cinematografica. In questo caso la fortuna è dovuta soprattutto al tema centrale del romanzo: lo scorrere inevitabile del tempo a cui ogni uomo, in qualsiasi punto del mondo o in qualsiasi arco di tempo storico, ha sempre cercato di rimediare attraverso imprese eroiche, guerre e così via. Un segno che potesse, in qualche modo, lasciare la sua impronta nel tempo e nello spazio. Ovviamente, questo sentimento è legato alla fugacità dell’esistenza e alla consapevolezza di avere, sempre e comunque, una fine certa.

Il significato della frase sopra riportata, fa riferimento a ciò che vogliamo davvero e che, forse inconsciamente, a volte riportiamo nella vita di tutti i giorni, offrendolo agli altri. Un vero e proprio riflesso di ciò che doniamo ma che vorremmo, noi, ricevere.

Condividilo: