Ci ritroviamo tra le fila del tempo, dove i ricordi si sfiorano nell’alba breve del giorno, dove ogni gesto, ogni suono rimane immutato, e fuggevoli sembianze, parole perdute nell’eco di un tuono, diventano polvere.

In quest’aria randagia, l’odore di ruggine di foglie scomposte si addensa, e gli alberi agghiacciati, i rami logori e sformati si trasfigurano, come sagome incorporee trascinate in un vortice di luce.

(Thea Matera)

Condividilo:

Proposto da a maggio 2017 - Ne trovi altri simili in Messaggi Romantici