Unire in sè il medico e il giudice, per conoscere l’uomo in tutta la sua debolezza e in tutta la sua malvagità.

Condividilo: