Non è rimarcando l’altrui ignoranza che si dimostra la propria intelligenza.

Condividilo: