Un tizio al ristorante: con la minestra fa rumori indicibili

Un tizio al ristorante: con la minestra fa rumori indicibili, mastica rumorosamente la bistecca, si asciuga la bocca sulla manica, fa gargarismi col vino, termina il pasto con un fenomenale rutto e urla al cameriere che è dall’altro lato della sala:
“Ue, ragazzo, dov’è il cessoooo???”
Il cameriere gelido: “In fondo a destra c’e una porta con scritto ‘signori’ … ma non ci faccia caso.”

Condividilo:

Tre amici si ritrovano, come sempre, al bar. Due di loro par

Tre amici si ritrovano, come sempre, al bar. Due di loro parlano della loro capacità di dominare la propria moglie, mentre il terzo tace. Dopo un po’ uno dei due si gira verso il terzo e dice:
“E tu? Che grado di controllo hai su tua moglie?” “Guarda”, dice il terzo, “giusto l’altra sera mia moglie è venuta da me in ginocchio …”
E gli altri due, sorpresi: “Ma va?!? Grande! E poi cosa è successo?”. Il terzo beve un sorso di birra, sospira, guarda gli amici e dice: “Beh! Mi ha detto: Vieni fuori da sotto il letto e combatti da uomo!”

Condividilo:

C’è un uomo che, disperato, va da un amico e gli spiega il

C’è un uomo che, disperato, va da un amico e gli spiega il suo problema: lui ha moltissima voglia di fare l’amore,ormai sono passati anni dall’ultima volta,ma nessuna ne vuole sapere di stare con lui. L’amico allora gli consiglia di andare da una prostituta ma l’uomo dice di essere troppo timido e di non sapere come gestire l’approccio. Allora l’amico dice: “Ascoltami bene: quando arrivi nel viale, parcheggi la macchina, scendi, ti avvicini ad una delle prostitute,metti una mano nella tasca dove avrai precedentemente messo delle monete e le scuoti. Vedrai che lei penserà al resto.” Allora l’uomo,tutto contento,parte. Arrivato nel viale, parcheggia, scende, si avvicina ad una delle ragazze,mette una mano in tasca e scuote le monete.
Al che lei dice: “Chiavi?”
E lui: “No,monetine”

Condividilo:

Due amici s’incontrano dopo tanto tempo e decidono di pranz

Due amici s’incontrano dopo tanto tempo e decidono di pranzare ssieme. “Dai, .. mia moglie fa certi pranzetti!” “Va bene” Durante il pasto Davide chiede alla moglie: “Amore mio, puoi portare la frutta, tesoro anche i dolci, ah cara, scusa, anche il caffè. Grazie gioia! a fine pranzo l’ospite chiede all’amico: “Ma da quant’è che sei sposato?” “Da quindici anni!” “Eh!!! Caspita!! E come mai la chiami ancora con tutti quei vezzeggiativi?” “Ma stai zitto che non mi ricordo più come si chiama!!!!”

Condividilo:

GLI UOMINI SONO COME… I computer: sono difficili da capire

GLI UOMINI SONO COME… I computer: sono difficili da capire e hanno poca memoria. Il mascara: si sciolgono alla prima lacrima. Le bottiglie di birra: vuoti dal collo in su. Gli spaghetti: più sono cotti e più sono appiccicosi. Gli spot pubblicitari: bisogna sempre mettere in dubbio quello che dicono. Le nuvole: quando se ne vanno si può sperare in una bella giornata.

Condividilo:

3 uomini: un francese un cinese e un italiano, fanno una gar

3 uomini: un francese un cinese e un italiano, fanno una gara di resistenza bevendo tanto senza dover andare al bagno. l’italiano beve beve beve e dopo un po scappa in bagno, il francese altrettanto, ma il cinese beve tanto ma non ci va e i due gli chiedon come abbia fatto e il cinese risponde “cinesino non cletino avele pannolino!”

Condividilo:

Inizi del ‘900. Due campagnoli si recano alla stazione ferr

Inizi del ‘900. Due campagnoli si recano alla stazione ferroviaria
di Roma. Si siedono su una panchina e attendono l’arrivo del loro
treno mentre l’altoparlante annuncia: “Signori in carrozza!, signori in carrozza! …” Passano alcune ore e uno dei due preoccupato si avvicina timidamente al bigliettaio chiedendogli: “Mi scusi, ma quando parte il treno per i cafoni?”

Condividilo:

A Napoli c’è un barbiere che non si fa mai gli affari suoi

A Napoli c’è un barbiere che non si fa mai gli affari suoi quindi un suo cliente decide di farlo smettere una buona volta. Gli dice sai sono stato a Roma e sono andato in piazza San Pietro quindi arrivato ho visto che il papà mi diceva vieni vieni vieni vieni io dicevo ma dice proprio a me dopo un attimo capì di sì mi sono avvicinato e mi ha detto ma chi minchia è stato che ti ha tagliato i capelli così a scemo!!!!

Condividilo: