Alda Merini: "A pelle si sentono cose a cui le parole non sanno dare nome".

Alda Merini: “A pelle si sentono cose a cui le parole non sanno dare nome”.

A pelle si sentono cose a cui le parole non sanno dare nome.

( Alda Merini )

Questa frase è di Alda Merini , grande poetessa, aforista e scrittrice italiana nata nel 1931 e morta nel 2009.

Le condizioni della sua famiglia sono modeste, Alda frequenta le scuole professionali, chiede di essere ammessa al Liceo Manzoni, ma non supera la prova d’italiano, si dedica con costanza allo studio del pianoforte. Spinta da Giacinto Spagnoletti, suo scopritore letterario, a quindici anni pubblicherà le sue prime poesie. Nel 1947 incontra quelle che definirà come “le prime ombre della sua mente” e per questo viene internata per un mese in un ospedale psichiatrico.

Nel  1953 pubblica l’opera in versi “La presenza di Orfeo”. Due anni dopo pubblica “Nozze Romane”e “Paura di Dio”, a cui segue nel 1961 l’opera dedicata al padre “Tu sei Pietro”. La poetessa inizia poi un periodo triste e d’isolamento , viene internata al “Paolo Pini”, alterna periodi di salute e malattia, ma nel 1979 torna finalmente a scrivere e racconta le sue sconvolgenti vicessitudini all’ospedale psichiatrico. I testi sono raccolti in “La Terra Santa” col quale riceve il “Premio Eugenio Montale”.

Condividilo:

"L'ottimista vede l'opportunità in ogni pericolo, il pessimista vede pericolo in ogni opportunità". ( Winston Churchill )

Winston Churchill:”L’ottimista vede opportunità in ogni pericolo, il pessimista vede pericolo in ogni opportunità:”

“L’ottimista vede l’opportunità in ogni pericolo,
il pessimista vede pericolo in ogni opportunità”.

( Winston Churchill )

Questa frase è di Winston Churchill , politico e storico britannico, due volte primo ministro del Regno Unito : dal 1940 al 1945 e dal 1951 al 1955 . Tra il 1940 e il 1945 guidò la Gran Bretagna all’interno della coalizione alleata che permise di sconfiggere il nazismo. Pochi conoscono però anche il suo lato di storico , giornalista e scrittore che gli valsero nel 1953 il Premio Nobel per la Letteratura con la seguente motivazione : per la sua padronanza della descrizione storica e biografica e per la brillante oratoria in difesa i valori umani.

I suo tanti aforismi che vengono ricordati, sono proprio un riflesso delle sue grandi capacità oratorie e delle sua padronanza retorica. Questa citazione, nella sua versione originale in lingua inglese, suona così :

The optimist sees opportunity in every danger;
the pessimist sees danger in every opportunity.

Condividilo:

Winston Churchill : A volte l’uomo inciampa nella verità, ma nella maggior parte dei casi si rialzerà e continuerà per la sua strada

A volte l’uomo inciampa nella verità, ma nella maggior parte dei casi si rialzerà e continuerà per la sua strada

( Winston Churchill ) .

Chi era Winston Churchill ? Winston Churchill , nato nel 1874 e morto nel 1965 , è stato il primo ministro britannico dal 1940 al 1945 e dal 1950 al 1955 . Ha guidato il Regno Unito durante il secondo conflitto mondiale , conclusosi con la vittoria degli alleati.

Winston Churchill . Woodstock , 1874 - Londra , 1965

Winston Churchill . Woodstock , 1874 – Londra , 1965.

Condividilo:

Principio di Uguaglianza e Fatica Individuale

Disuguaglianza e Fatica Individuale

“Le masse saranno sempre al di sotto della media.

La maggiore età si abbasserà, la barriera del sesso cadrà, e la democrazia arriverà all’assurdo rimettendo la decisione intorno alle cose più grandi ai più incapaci.

Sarà la punizione del suo principio astratto dell’uguaglianza, che dispensa l’ignorante di istruirsi, l’imbecille di giudicarsi, il bambino di essere uomo e il delinquente di correggersi.

Il diritto pubblico fondato sulla uguaglianza andrà in pezzi a causa delle sue conseguenze.

Perché non riconosce la disuguaglianza di valore, di merito, di esperienza, cioè la fatica individuale: culminerà nel trionfo della feccia e dell’appiattimento.

L’adorazione delle apparenze si paga.”

da Frammenti di diario intimo 12 giugno 1871  di Henri-Frédéric Amiel

Condividilo: